BENVENUTO !

BENVENUTI IN AS.PE. CARIGE!

l'Associazione no profit costituita nel 2013 tra i Pensionati di Banca Carige per tutelare i diritti e gli interessi economici e morali in materia previdenziale, sanitaria e assistenziale dei propri Associati rappresentandoli e assistendoli nei rapporti con il Gruppo Banca Carige, il Fondo integrativo pensioni interno, l'INPS e gli altri enti assicurativi e finanziari pubblici e privati del settore.

Per ulteriori informazioni, nuove iscrizioni e/o quesiti di natura pensionistica, previdenziale, assistenziale e/o sanitaria consultare le pagine: "CHI SIAMO", “DOVE SIAMO”, “CONTATTI”, “ASSISTENZA”, "ORGANI SOCIALI", “STATUTO”, “SCHEDA ISCRIZIONE” e “POLIZZA SANITARIA”.

venerdì 17 gennaio 2014

COMUNICATO N. 18 - QUOTA ASSOCIATIVA 2014

La Banca Carige alla quale avevamo chiesto di trattenere le quote associative sulle pensioni o competenze dei soci, ha risposto verbalmente alle nostre richieste scritte, con un cortese rifiuto suggerendo di utilizzare la procedura con delega permanente.
Ci spiace soltanto che una decisione del genere abbia richiesto tempi lunghi, e soprattutto che Banca Carige non risponda a lettere di ben maggiore importanza nello sterile tentativo di non riconoscere la nostra Associazione.
Ne prendiamo atto, ma ci auguriamo che la Banca voglia assumere, in tema di trasparenza e dialogo, uno stile relazionale diverso nei confronti dei propri pensionati.
Premesso che le quote sociali sono confermate nella misura di
  • € 10 AP = appartenenti alle aree professionali, ovvero alla categoria impiegatizia o inferiore, nonché quadri direttivi di 1° e 2° livello.
  • € 20 QD = appartenenti ai quadri di 3° e 4° livello, nonché ex funzionari.
  • € 40 DIR = dirigenti.
si invitano i Soci a versare la quota 2014, mediante bonifico on line sul c/c 70885/18/040
IBAN: IT91 F061 7501 4000 0000 7088 518) in quanto unica forma esente da commissioni e spese;
anche coloro che non abbiano accesso alla procedura online possono comunque avvalersi della collaborazione di Consiglieri e/o Soci abilitati.
In alternativa è sempre possibile eseguire il versamento per contanti presso la sede sociale in vico Falamonica, 1/12 scala destra (ascensore 4°p.), nell’orario d’ufficio (Mercoledì, Giovedì e Venerdì, dalle ore 15 alle 18).
E altresì possibile rilasciare delega permanente di addebito presso la Filiale in cui s’intrattiene il conto e in questo caso Carige addebiterà solo € 0,90 per le spese di spedizione della contabile.
Si sconsiglia, invece, il bonifico di sportello soggetto ad una commissione di € 4,75.
Ringraziamo sin d’ora i Soci che vorranno provvedere con sollecitudine, sollevando in tal modo la Segreteria dall’incombenza del richiamo delle quote mancanti.

giovedì 16 gennaio 2014

COMUNICATO N. 17 - Estratto conto di liquidazione della pensione del Fondo

Alcuni soci riferiscono di non essere riusciti ad ottenere, al momento del collocamento a riposo, i conteggi analitici della pensione integrativa liquidata, con il dettaglio delle voci pensionabili e degli altri fattori utili a determinarne l’importo. Al riguardo, gli Uffici della Banca danno sommarie informazioni a voce, ma non consegnano al pensionato una comunicazione ufficiale con il dettaglio dei conteggi dimostrativi. Trattandosi di un elementare diritto alla trasparenza, in generale ribadito dalla COVIP, nell’ambito di recenti disposizioni sulle comunicazioni agli iscritti ai Fondi pensione, s’invitano i soci interessati a presentare la domanda scritta all’Ufficio Risorse Umane / Pensioni e a segnalare alla nostra Associazione l’eventuale mancato riscontro.

PAGAMENTO MINI-IMU

Si pensa utile informare i Soci che sul  sito de "Il Sole 24 ore"
è disponibile gratuitamente una funzione utile per il calcolo della cosiddetta MINI-IMU.
Lo strumento, accedibile direttamente tramite questo link
è molto semplice da utilizzare, offre una guida nella compilazione dei dati, effettua i calcoli con tutti i riferimenti utili per il pagamento con il banking on line Carige, anche in prenotazione, senza doversi recare agli sportelli.  

La procedura comunque fornisce il modello F24, che è possibile stampare per provvedere al pagamento entro il 24 c.m. nelle forme tradizionali.

martedì 7 gennaio 2014

COMUNICATO N. 16 - PEREQUAZIONE PENSIONI 2014

La perequazione di base per il 2014 è dell’1,20% con le seguenti limitazioni, introdotte dalla legge di stabilità 27/12/2013 n°147 c.483, riferite al trattamento pensionistico lordo risultante a casellario INPS (l’imponibile comprende tutte le pensioni di legge e la pensione erogata dal FIP Carige nella misura dell’87,50%):
  • sino a 3 volte il minimo INPS, ossia € 1.504, il 100% dell’1.20%, con rivalutazione massima di € 18,05 mensili
  • da 3 a 4 volte “ “ “ € 2.005, il 95%, pari al 1,14%, con rivalutazione massima di € 22,86
  • da 4 a 5 volte “ “ “ € 2.506, il 75%, pari allo 0.90%, con rivalutazione massima di € 22,86
  • da 5 a 6 volte “ “ “ € 3.007, il 50%, pari allo 0.60%, con rivalutazione massima di € 18,05
  • oltre le 6 volte “ “ nessun adeguamento
dopo due anni di blocco totale (salvo i trattamenti complessivi lordi inferiori a € 1.500 mensili), il ripristino riguarda soltanto la fascia da € 1.500 a € 3.000 nella misura fortemente regressiva sopra specificata.
Le pensioni d’importo superiore continuano a subire la mancata indicizzazione con formule di legge sempre più contorte forse allo scopo di evitarne la dichiarazione di l’incostituzionalità. Infatti, rispetto alla legge 503/92, il parametro scende dal 75% sulla parte eccedente gli scaglioni più pesanti, a tutti spettanti, ad un “teorico” 40% sull’intero importo per l’anno 2014, disponendo peraltro, nello stesso comma, che la perequazione del 2014 non è riconosciuta e l’ ”aumento” al 45% per gli anni 2015-16.
I motivi che rendono necessari i sacrifici di tutti i contribuenti (non solo dei pensionati) sono ben noti, purtroppo nel nostro caso toccano anche la pensione integrativa corrisposta da un Fondo dichiarato capiente in base alle regole perequative precedentemente vigenti. Ci si augura, almeno, che le disponibilità attuariali emergenti siano prioritariamente impiegate, anche a titolo di solidarietà fra gli iscritti, nel riconoscimento dei diritti dei colleghi interessati alla rivalutazione degli importi delle integrazioni al minimo FIP, da aggiornare e ricalcolare in base agli indici ISTAT, come previsto dall’accordo 12/2/1997, sino alla data di liquidazione della pensione aziendale.

Contributo di solidarietà 2014/2016
La stessa legge di stabilità, al comma 486, ha ripristinato il contributo di solidarietà, dichiarato incostituzionale dalla Consulta, nelle seguenti misure, sempre riferite agli imponibili lordi:
- oltre 14 volte il minimo INPS, il 6% sulla parte eccedente la pensione obbligatoria di € 91.250 annui;
- sugli importi eccedenti € 130.358 il contributo sale al 12 %, mentre per la parte  di pensione superiore a € 195.536 lo stesso sale ulteriormente al 18 %.
Nel calcolo della pensione annua imponibile, in questo caso, non rientra la pensione integrativa erogata dal FIP Carige.
Rispetto alle norme abrogate, ci sono modifiche formali nel destinare il contributo all’INPS e altre gestioni previdenziali obbligatorie, anziché allo Stato, e sostanziali, quali l’esclusione delle pensioni complementari a prestazione definita, come sono le nostre, dal cumulo tassato progressivamente.
A tal fine la nostra Associazione si era impegnata pubblicamente per sostenere l’iniquità e l’illiceità del cumulo pensionistico pubblico-privato, anche se la marcia indietro del legislatore è probabilmente da attribuirsi al timore di un nuovo inciampo in materia di costituzionalità della legge.
Nella formulazione della norma, tuttavia, manca l’esplicita menzione della deducibilità fiscale del contributo, la cui omissione non dovrebbe risultare influente a meno che non sia stata voluta per contrabbandare un surrettizio raddoppio dell’imposta con inevitabile riproposizione del contenzioso giudiziario.
L’ipotesi del ricalcolo contributivo delle pensioni medio alte liquidate col sistema retributivo, sbandierata per tutta l’estate sui media da parte di economisti e politici qualificati quale panacea degli assillanti problemi previdenziali, si è rivelata, almeno per il momento, il classico cavallo di Troia per meglio giustificare nei confronti dell’opinione pubblica l’attuale provvedimento con i consueti tagli lineari, che penalizzano soprattutto i pensionati che nel corso della loro vita lavorativa hanno versato contributi assicurativi in misura costante ed elevata, rispetto ad altre categorie che con i loro sbilanci gestionali e accorpamenti hanno provocato l’attuale disavanzo dell’INPS.
Avevamo anche sostenuto che il contributo temporaneo si sarebbe dovuto applicare a tutte le pensioni pubbliche elevate, compresi i vitalizi dei rappresentanti elettivi degli organi politici, ma il legislatore li ha esplicitamente esclusi dall’applicazione del contributo di solidarietà, preferendo vietare il cumulo dei vitalizi con altre pensioni e compensi pubblici oltre i € 300.000 annui, importo che assicura l’esclusione dal contributo della quasi totalità dei soggetti beneficiari. Ogni commento è vano.