BENVENUTO !

BENVENUTI IN AS.PE. CARIGE

libera associazione no profit, costituita nella primavera 2013 fra pensionati, ex dipendenti di Banca Carige, già Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, per tutelare i diritti e gli interessi economici e morali dei propri Associati in materia previdenziale, sanitaria e assistenziale rappresentandoli e assistendoli nei rapporti con il Gruppo Carige, l’INPS e gli altri enti assicurativi e finanziari del settore, pubblici e privati.

Per maggiori informazioni consultare le pagine elencate nella colonna a fianco ------------------------------------->


venerdì 29 marzo 2019

COMUNICATO. 115 - Condizioni agevolate riservate ai pensionati della Banca Carige.

I pensionati titolari di c/c cat. 18, anche se hanno capitalizzato la pensione aziendale e non sono più iscritti al FIP, continuano a fruire delle condizioni agevolate riservate ai dipendenti, che prevedono oltre all’abbuono delle tasse di bollo sui conti correnti, l’esenzione delle spese e delle commissioni di tutte le operazioni di conto corrente eseguite on line (salvo le operazioni in valuta estera), nonché commissioni ridotte per la negoziazioni di titoli e fondi inoltrate con le stesse modalità on line.
Si ricorda che l’imposta di bollo sugli estratti conto titoli è stata aumentata da € 34,20 (che rimangono come misura minima) all’attuale 2 per mille calcolato trimestralmente sul valore di borsa del portafoglio titoli a custodia; in questo caso si tratta di un’imposta patrimoniale proporzionale che rimane a carico del cliente-contribuente.
Il tasso creditore di c/c è rimasto invariato nella misura dello 0,50%.
Le commissioni e le spese per le operazioni effettuate o ordinate allo sportello, dettagliatamente elencate nell’E/C del IV trimestre 2018, sono invece onerose a causa dei maggiori costi operativi, per es.:
-      bonifico su Banca Carige:                    € 3,75 
-      bonifico su altra Banca:                       € 4,75    
-      spedizione di documenti a domicilio:     € 0,90 cad.
Ai pensionati continuare ad essere riservate le condizioni agevolate sui mutui prima e seconda casa (acquisto, ampliamento, ristrutturazione, estinzione di mutui più onerosi, ecc.) al tasso favorevole del 100% dell’Euribor a 6 mesi, maggiorato dello 0,30% se trattasi di 2.a casa (per un mutuo a 20 anni il tasso attuale è dell’1,476%).
Per i prestiti personali senza garanzia ipotecaria il massimale è di € 13.000 (eventualmente derogabile) al tasso dello 0,50%.
Il regolamento dei finanziamenti ai dipendenti e pensionati è molto complesso per cui non si ritiene utile riportarlo in allegato, ma è disponibile presso la nostra sede per l’eventuale consultazione, oltre e preferibilmente agli sportelli della dipendenza presso la quale il nostro socio interessato intrattiene il c/c di cat.18.
Ci sembra invece utile segnalare che l’E/C al 31/12/2018 contiene a pagina 20 delle condizioni e avvisi (che facilmente sfugge anche all’osservatore più attento) una schematica e obiettiva evidenziazione delle norme, dei massimali e dei tempi che regolano la tutela dei depositi da parte del FITD (Fondo Interbancario Tutela Depositi).
La pubblicazione del documento è probabilmente un tentativo da parte di Carige di scongiurare timori, spesso ingiustificati  e contagiosi, tali da rendere ancor più difficile la delicata situazione della Banca. 
Ne riportiamo uno stralcio in allegato, ritenendo che l’informazione corretta sia sempre il modo migliore per assumere decisioni responsabili.

mercoledì 27 marzo 2019

Comunicato n.114 – Ricalcolo della perequazione delle pensioni 2019.

Con il pagamento della rata di pensione d’Aprile, l’INPS tratterrà una parte della perequazione erogata sulla base delle vecchie norme, di cui alla nostra comunicazione n.107 del 10/12/2018, in seguito modificate in peggio dalla legge Finanziaria 2019.

La rivalutazione programmata dell’1,1% rimane confermata soltanto per le pensioni lorde di € 1.539 mensili (3 volte il minimo) con riduzioni progressive sino allo 0.44% per le pensioni di 9 volte il minimo ed oltre.

Il provvedimento riguarda il cumulo pensionistico del soggetto interessato (quindi anche il FIP per chi fruisce ancora della pensione aziendale) e perpetua la riprovevole abitudine di tutti i Governi di far passare come temporanee delle disposizioni di blocco e/o riduzione della perequazione, che invece incidono in modo permanente e definitivo sul potere d’acquisto delle pensioni.

Non è ancora disponibile il Mod.O-bis, che giustifica e informa in merito alle nuove modalità di pagamento e alle relative trattenute, né per il momento sono state recuperate le maggiori somme erogate nei primi tre mesi del 2019.

Anche il contributo di solidarietà sulle c.d. pensioni d’oro non è stato ancora applicato.

Per chi volesse tenersi aggiornato sulla propria posizioni previdenziale, ricordiamo l’opportunità di registrarsi sul sito INPS (My Inps) seguendo le istruzioni fornite con il nostro Comunicato n.112.

domenica 10 marzo 2019

COMUNICATO N.113 – Preavviso convocazione Assemblea ordinaria 2019

Quest’anno l’Assemblea si terrà nel pomeriggio di Martedì 7 maggio 2019 presso l’Istituto Nautico S. Giorgio sito in Genova Darsena, più tardi del solito per non cadere nelle festività pasquali di metà Aprile e disporre dei tempi organizzativi necessari per le elezioni degli Organi sociali, il cui mandato triennale è scaduto con la conclusione dell’esercizio 2018.
As.Pe. Carige, proprio in considerazione dell’età dei propri Soci, deve confrontarsi col ricambio generazionale, sia fra gli iscritti sia fra i titolari delle cariche sociali, e chiediamo pertanto a tutti di voler promuovere nuove iscrizioni, soprattutto fra i neo-pensionati, e di volersi proporre direttamente in prima persona e/o suggerire nuove candidature per il Consiglio Direttivo.
Per facilitare tali iniziative abbiamo trasmesso l’elenco dei soci attivi a tutti gli iscritti, ricordando che la diffusione dei recapiti è stata autorizzata al momento dell’adesione, ma con facoltà da parte di coloro che desiderassero mantenere la propria privacy di fornire diverse istruzioni al Segretario Riccardo Puccio (cell.3285383077) o comunicarcele via e-mail.
Con l’occasione, segnaliamo che sono in corso contatti con la Direzione del Personale della Banca per la valutazione equa e corretta del valore capitale delle residue pensioni integrative aziendali, nel caso in cui qualche socio pensionato desiderasse prendere in considerazione una nuova offerta per la liquidazione dello zainetto.
Il ridimensionamento del F.I.P. ci induce a identificare altre attività in materia di previdenza generale, assicurazioni rischi e sanitarie, fisco, successioni, legale e Internet dei servizi, da sviluppare per il tramite di nostri esperti o con l’aiuto degli uffici pubblici e/o di professionisti di settore, per cui sarebbe sin d’ora auspicabile la collaborazione di colleghi che abbiano maturato almeno una di tali competenze durante l’attività di servizio.
Ci proponiamo sin d’ora di sperimentare questo tipo di attività di assistenza per il momento svolta soltanto episodicamente, mediante quesiti e-mail, per poter analizzare i problemi e rispondere con maggior cognizione di causa e più approfonditi accertamenti, oltre che incontrare direttamente i richiedenti quando e se ritenuto necessario.
Delle questioni di interesse generale daremo periodicamente notizia a tutti i soci, senza citare la fonte della richiesta originaria.
La restituzione della marca tributaria dei ricorsi fiscali (sino ad un massimo di € 60), sarà eseguita con utilizzo del Fondo rimborsi fiscali e avverrà gradualmente giusta la conclusione a sentenza definitiva delle singole pratiche; a tale riguardo si invitano tutti i ricorrenti aventi diritto a voler comunicare il proprio IBAN, anche se l’accredito non sarà immediato.
Raccomandiamo, infine, di voler agevolare gli adempimenti della Segreteria e del Tesoriere eseguendo tempestivamente il versamento della quota sociale (IBAN As.Pe. Carige: IT91 F061 7501 4000 0000 7088 518), verificando, inoltre, d’aver rilasciato la delega continuativa con scadenza il primo giorno lavorativo per gli anni successivi.
Se invece esistono dei motivi personali per lasciare l’Associazione, si invitano i Colleghi a comunicare le dimissioni, tramite mail o posta ordinaria, anche senza darne la motivazione; per noi sarà un dispiacere, ma semplificherà la gestione degli associati e ci permetterà di preventivare il budget annuale disponibile per le attività sociali.