BENVENUTO !

BENVENUTI IN AS.PE. CARIGE!

l'Associazione no profit costituita nel 2013 tra i Pensionati di Banca Carige per tutelare i diritti e gli interessi economici e morali in materia previdenziale, sanitaria e assistenziale dei propri Associati rappresentandoli e assistendoli nei rapporti con il Gruppo Banca Carige, il Fondo integrativo pensioni interno, l'INPS e gli altri enti assicurativi e finanziari pubblici e privati del settore.

Per ulteriori informazioni, nuove iscrizioni e/o quesiti di natura pensionistica, previdenziale, assistenziale e/o sanitaria consultare le pagine: "CHI SIAMO", “DOVE SIAMO”, “CONTATTI”, “ASSISTENZA”, "ORGANI SOCIALI", “STATUTO”, “SCHEDA ISCRIZIONE” e “POLIZZA SANITARIA”.

giovedì 27 marzo 2014

COMUNICATO N. 22 - CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA

AS.PE. CARIGE
ASSOCIAZIONE PENSIONATI DEL FONDO INTEGRATIVO AZIENDALE BANCA CARIGE
vico Falamonica, 1/12 sc. d - 16123 Genova – aspe.bancacarige@gmail.com – tel. 3285383077
_______

  • A TUTTI I SOCI
Genova, 14 marzo 2014
CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA ANNUALE

Ai sensi dell’art. 8 dello Statuto sociale, il Consiglio Direttivo ha convocato l’Assemblea annuale, che si terrà in prima convocazione il giorno 7 aprile 2012, ore 17, presso la Sede sociale e, in seconda convocazione, Martedì 8 aprile 2014, ore 15, in Genova, piazza dei Cappuccini, 1, (Chiesa del Padre Santo) nei locali del Teatro Cappuccini, con il seguente ordine del giorno:

  1. Relazione annuale del Presidente.
  2. Approvazione del Bilancio dell’esercizio 2013.
  3. Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti.
  4. Informativa sulle iniziative in corso.
  5. Eventuali spese non ricorrenti e misura delle quote sociali.
  6. Partecipazione e deleghe dei soci alla prossima Assemblea di Banca Carige.
  7. Varie ed eventuali.

Si ricorda che possono partecipare all’Assemblea tutti i soci in regola con il pagamento della quota sociale e che è ammesso il rilascio di delega (anche via e-mail) purché a favore di un socio e sino ad un massimo di cinque per ogni delegato.

Nell’attesa d’incontrarci, invio i più cordiali saluti a nome del Consiglio Direttivo e miei personali.
IL PRESIDENTE
Giovanni Lo Vetere

Attenzione – i Soci che trovano in allegato la lettera di risposta a Carige sull’Organo di Rappresentanza sono pregati di restituirla firmata ad As.Pe., personalmente o per posta semplice, con cortese urgenza.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
DELEGA ASSEMBLEARE AS.PE CARIGE

Il socio ________________________________________ , non potendo intervenire personalmente
.
delega il socio Signor/a ___________________________________ a rappresentarlo in Assemblea
l’8 aprile 2014, ore 15 (in seconda convocazione), dando per rato e valido quanto deliberato.
.
data _________________ In fede ____________________________________________

mercoledì 19 marzo 2014

COMUNICATO N.21 - Esito delle vertenze giudiziarie relative alla perequazione delle pensioni per gli anni 1998/2000.

E’ noto che le pensioni di legge a carico dell’INPS e quelle integrative erogate dal FIP/Carige di norma devono essere annualmente aggiornate per rivalutazione (c.d. perequazione automatica), secondo le regole stabilite dal legislatore.
Il legislatore stesso, tuttavia, nell’ultimo ventennio ha periodicamente bloccato per uno o più anni tale rivalutazione, principalmente sull’entità dei singoli trattamenti delle pensioni.
Per gli anni 1998-1999-2000 Banca Carige ha interpretato la legislazione dell’epoca nel senso di ritenere bloccata la perequazione sia sulle pensioni a carico dell’INPS, sia su quelle integrative erogate dal F.I.P.
Molti colleghi, con due separate ed autonome vertenze giudiziarie (la prima relativa al solo 1998 e la seconda anche al 1999 e 2000), hanno contestato tale comportamento, che in pratica ha riflessi non solo per il triennio citato, ma per trascinamento, anche in tutti gli anni successivi in cui ciascun interessato percepirà la pensione aziendale.
Con sentenza n. 1311 del 22/1/2014 la Corte di Cassazione ha reso definitiva la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Genova nella prima vertenza, che ha condannato Banca Carige a pagare la citata perequazione sulla quota di pensione a carico del F.I.P. indebitamente bloccata nel 1998. E’ stato così posto dalla Magistratura un punto fermo sul lungo contenzioso, peraltro poi proseguito, per l’intransigenza della Banca nel non voler estendere i relativi benefici a tutti gli aventi diritto, con una seconda causa, relativa anche alla perequazione per gli anni 1999-2000. Le decine di colleghi ricorrenti hanno già vinto in primo e secondo grado anche questa vertenza e la Corte di Appello di Genova, con decisione n. 46/2013, ha condannato Carige sia al riconoscimento della perequazione sulle prestazioni pensionistiche integrative, sia al pagamento delle spese processuali; rimane ancora pendente il ricorso di legittimità che Banca Carige ha voluto comunque presentare, anche in questa vertenza, alla Corte di Cassazione.
Abbiamo tutti ben presenti le garanzie (scritte) a suo tempo offerte dalla Banca ai singoli beneficiari delle prestazioni del F.I.P., ossia di volere sempre adottare un comportamento (aziendale) teso al massimo garantismo a favore degli iscritti, per cui ci chiediamo se Carige – esperito l’ultimo grado del successivo giudizio – vorrà rispondere positivamente alle richieste di estensione degli inerenti benefici anche nei confronti di tutti gli altri pensionati interessati, a prescindere dal fatto che si siano rivolti o meno alla Magistratura per farsi riconoscere il proprio credito.
Temiamo, purtroppo, che ciò non avverrà automaticamente, ma anzi che la Banca voglia opporre la prescrizione quinquennale sulle conseguenze economiche per il mancato riconoscimento dei diritti, sino ad ora non contestato in via giudiziale.
Se ciò dovesse avvenire ci si troverà un’altra volta di fronte ad un netto contrasto tra il predetto impegno garantista di Carige e quanto poi, invece, osservato in pratica dalla Banca: gli impegni non devono essere retoriche parole ma devono essere onorati nei fatti!
Si precisa comunque che i potenziali interessati all’estensione dei principi in argomento (giudizialmente riconosciuti) sono i pensionati Carige beneficiari delle prestazioni a carico del F.I.P. cessati dal servizio anteriormente al triennio 1998/2000, ovvero entro il 1999.