BENVENUTO !

BENVENUTI IN AS.PE. CARIGE

libera associazione no profit, costituita nella primavera 2013 fra pensionati, ex dipendenti di Banca Carige, già Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, per tutelare i diritti e gli interessi economici e morali dei propri Associati in materia previdenziale, sanitaria e assistenziale rappresentandoli e assistendoli nei rapporti con il Gruppo Carige, l’INPS e gli altri enti assicurativi e finanziari del settore, pubblici e privati.

Per maggiori informazioni consultare le pagine elencate nella colonna a fianco ------------------------------------->


mercoledì 27 marzo 2019

Comunicato n.114 – Ricalcolo della perequazione delle pensioni 2019.

Con il pagamento della rata di pensione d’Aprile, l’INPS tratterrà una parte della perequazione erogata sulla base delle vecchie norme, di cui alla nostra comunicazione n.107 del 10/12/2018, in seguito modificate in peggio dalla legge Finanziaria 2019.

La rivalutazione programmata dell’1,1% rimane confermata soltanto per le pensioni lorde di € 1.539 mensili (3 volte il minimo) con riduzioni progressive sino allo 0.44% per le pensioni di 9 volte il minimo ed oltre.

Il provvedimento riguarda il cumulo pensionistico del soggetto interessato (quindi anche il FIP per chi fruisce ancora della pensione aziendale) e perpetua la riprovevole abitudine di tutti i Governi di far passare come temporanee delle disposizioni di blocco e/o riduzione della perequazione, che invece incidono in modo permanente e definitivo sul potere d’acquisto delle pensioni.

Non è ancora disponibile il Mod.O-bis, che giustifica e informa in merito alle nuove modalità di pagamento e alle relative trattenute, né per il momento sono state recuperate le maggiori somme erogate nei primi tre mesi del 2019.

Anche il contributo di solidarietà sulle c.d. pensioni d’oro non è stato ancora applicato.

Per chi volesse tenersi aggiornato sulla propria posizioni previdenziale, ricordiamo l’opportunità di registrarsi sul sito INPS (My Inps) seguendo le istruzioni fornite con il nostro Comunicato n.112.

Nessun commento: